sabato 7 dicembre 2013

Regime Alimentare

E' un pò di tempo che non scrivo di diete dietologi nutrizionisti ed esperti di categoria.
Sto cercando di escludere il problema dalla mia mente, per non pensare sempre, ma dico sempre, alla stessa cosa e cioè alla ciccia!

Sono stufa di pensare ad una nuova dieta, a un nuovo modo di costringere il mio corpo a nuovi tour de force gasronomici, vorrei vivere la mia fisicità con tranquillità e diciamolo anche un pò fregandomene.
Ma non è così... non riesco a raggiungere questa pace interiore, una rilassatezza tale che mi permetta di non pensarci più, di non avere questo chiodo fisso in testa!

Appurato il fatto che non accadrà mai, eccomi qui alle prese dell'ennesima costrizione alimentare.
Sono andata allora da questa nuova nutrizionista che promette miracoli e fuochi d'artificio.
Nella sala d'aspetto della dottoressa, in attesa vicino a me, altre cicciottelle e una magrissima ragazza.
Tutte la osserviamo di sottecchi (poverella) sicuramente chiedendoci cosa ci stia a fare una ragazza così bella e così magra in un luogo di tortura.
Mi perdo poi in alcune elucubrazioni fantastiche sulla mia nuova linea e mi isolo.
Ecco, tocca a lei, si alza come una modella e con passo felpato entra nello studio della nutrizionista.

Comincia allora un  brusio tra le altre colleghe di sventura.
Si fanno congetture sulla sua presenza, e quella più accreditata (e che ci auguriamo tutte) che questa fantastica ragazza sia  una ex paziente, che saltuariamente torna a visitare l'artefice di cotanta perfezione.

Quando è il mio turno mi presento alla dottoressa e cominciamo a parlare delle solite cose, anamnesi, il peso, i chili in più ecc. ecc.
Non ve le racconto perchè tanto il copione è sempre lo stesso...
E indovinate un pò! Udite, udite, non mi darà una dieta da seguire ma un Regime Alimentare....
Sgrano gli occhi come se avesse detto la cosa più intelligente del mondo ma dentro di me ho già messo una croce sopra a sta nutrizionista.

E' inutile che ce la menano a destra e a manca con questi eufemismi...ragazzi la dieta è "Dieta" la puoi chiamare come vuoi ma sempre dieta rimane.
Curiosa invece della modella entrata prima di me, faccio una domanda a trabocchetto....
"Ma se seguo il suo regime alimentare, diventerò come la ragazza che è entrata prima di me?"

La dottoressa è in difficoltà si capisce che per rispondermi sceglie accuratamente le parole.....
"Signora, a volte la testa di noi donne va in tilt, con delle fissazioni non comprensibili....quella ragazza pensa di essere grassa e viene  a trovarmi tutte le settimane.... per pesarsi!"
Sono strabiliata...non solo la ragazza è molto bella, ma sicuramente è una taglia 40 quindi non posso esimermi nel fare delle considerazioni...
Forse sono più fortunata io...anche se ho una fisicità un pò diversa, perchè ho un carattere solare, ho tante amiche e se riesco a fare la dieta e a dimagrirmi un pò sono contenta, ma se non riesco, alla fine non succede nulla!

venerdì 29 novembre 2013

Play Station 4

Sono giorni che rompe.
Mi ha completamente sfinita, prosciugata, esaurita. Questa volta non parlo di Vittoria ma di mio figlio.
Sono solo due mesi che ne parla.....un trituramento spaziale, qualcosa di indescrivibile!
Avere un figlio di sedici anni, logorroico e rompino distruggerebbe chiunque!
Ma averne uno che ha pure la delicatezza di un caterpillar in discesa, e parla di questo argomento... solo di questo, a pranzo, a cena, a colazione, mentre sto chiusa in bagno...  non ne posso più!!!
Di cosa parla?????

Dell'uscita della PS4 (Play Station 4) che è in programma per oggi 29 novembre!!!

Ho faticato nel mandarlo a scuola, perchè assolutamente non ne voleva sapere...fortunatamente il compito in classe di fisica, fissato per oggi, l'ha fatto rinsavire e siamo giunti al compromesso che l'avrei fatto uscire un'ora prima da scuola, in modo da poterlo accompagnare immediatamente al negozio nel quale aveva prenotato la ps4 già un paio di mesi fa!!!

Siamo dunque arrivati tutti trafelati, in questo mega centro commerciale e ci siamo catapultati nel negozio e fortunatamente non abbiamo fatto la fila per acquistarla...
Per me tutta questa affannosa situazione pare ridicola, in quanto non ho nessun interesse per i giochi tecnologici in genere...ma credo di essere solo io a pensarla così, perchè come ho potuto constatare questa mattina, mio figlio è stato molto invidiato per questo acquisto (che peraltro si è autofinanziato).
Infatti, mentre percorrevamo i corridoi del centro commerciale, più di una persona ci ha fermato per chiederci informazioni, magari sul costo o sulle performance della consolle!
Avreste dovuto vederlo come si è pavoneggiato con tutti, mostrando uno sguardo che voleva significare: "Io ce l'ho e voi nooo! Pappappero!" 

Averlo poi costretto a passeggiare con me e non scappare subito a casa...sicuramente è stata una cattiveria!
Tant'è che da circa le 14,30 del pomeriggio il campanello di casa mia ha cominciato a suonare...frotte di ragazzi sono arrivati da ognidove per vedere questo prodigio di tecnologia come fosse bambino Gesù nella grotta...
Ognuno ha giocato una partita e ha commentato le qualità i pregi e i difetti di questo mostro tecnologico che è la PS4....
Ora sono le 21,40 e finalmente tutti i suoi amici sono andati via...ma lui è lì imperterrito a giocare e a godersi un pò di pace e tranquillità!
Ma ora il cerbero che è in me lo ha già cominciato ad ammonire che fra qualche minuto dovrà sospendere la sua attività...

L'aria della sua camera è satura di felicità e puzza di varia umanità, ma anche del suo sorriso....
transitando vicino a lui per andare ad aprire la finestra, ha interrotto il gioco, mi ha fermata per abbracciarmi e dirmi grazie....
Sono stupefatta....sono questi i fantomatici prodigi della tecnologia???

giovedì 14 novembre 2013

Make up!

Questa mattina mi sono resa conto di una cosa, che forse è palese a tutte le donne, ma io sono sempre un pò tarda e prendo consapevolezza dei fatti della vita dopo molto tempo e tante riflessioni.

Ho capito che per essere donna al giorno d'oggi è molto faticoso ed è una fregatura.
E' faticoso perchè abbiamo tanti ruoli:
  • Mogli/fidanzate
  • Amanti
  • Mamme 
  • Cuoche
  • Badanti
  • Baby sitter
  • Donne delle pulizie
  • Public relation women
  • Commercialiste
  • personal shopper
E chi più ne ha più ne metta.......

Ricoprire tutti questi ruoli succhia una tale quantità di energia vitale, che a fine serata ci sentiamo svuotate, stanche, depresse e non abbiamo più energie per pensare un pò a noi stesse e al nostro corpo.
La società ci impone oltretutto anche di essere:
  •  belle
  • glamour 
  • sexy 
  • eleganti 
  • sorridenti
  • truccate
Che ne pensate del trucco??
La mattina appena sveglie dobbiamo immediatamente imbellettarci per sembrare più belle, e cominciamo subito indossare la maschera della mamma, lavoratrice, manager, consulente ecc.

Questa maschera deve essere fatta valorizzando i nostri punti di forza e nascondendo i difetti, almeno così dicono le make up artist.
Il massimo del mio belletto è un pò di mascara e un pò di fard anche se ultimamente visto che gli anni avanzano ho cominciato ad usare il correttore per coprire delle orribili occhiaie.
Volevo cercare di fare un make up diverso più curato e migliorare l'aspetto delle mie rughette!

Oddio mi sono persa!
Mi sono persa in mezzo a tanti termini di cui  non so assolutamente il significato.
Insomma, bisogna stendere prima una crema.....poi un primer (?) importante usare il blush (??) la cipria...va messa prima o dopo, ma va stesa con un pennellino piccolo.
Poi si usa l'eyeliner, il contorno occhi, il mascara e il piegaciglia, 
la bocca con un rossetto mat (?)o un gloss in tinta, ma prima di tutto un camuflage..... attente tutti i prodotti devono essere lasting....Capitoooooooooooo!

Io non ci capisco nulla!!!!!!!!

Finisco il post con le parole di una canzone della Oxa:
Io che firmo il nome come viene
e vivo il tempo più vicino
dormo spesso accanto al finestrino
mi trucco il viso che ho deciso.....
Comunque guardate che risultati, se si va da una truccatrice professionista!!




Che dite se mi faccio truccare anch'io così???

Se maschera deve essere....che almeno sia bella!!!!!!!!!


lunedì 4 novembre 2013

Macchinette infernali!

Come si fa ad incastrarsi con la mano dentro il distributore di merendine??
Beh...io posso!!

Come al solito sono in attesa dei miei figli....vivo la mia vita in attesa, ultimamente.....
Attendo che loro facciano sport, ripetizioni, feste, o qualcos'altro.

Di solito mentre aspetto o leggo o parlotto con altre mamme....
Ma questa volta, la fatidica volta, NOOOO!

Sono sola, senza libro, senza nulla da fare e una lunga ora davanti a me!
Mi accorgo che ho una certa fame (come al solito) e lo sguardo mi cade su una macchinetta distributrice di merendine e bibite!

Rovisto nel portafogli per trovare delle monetine per l'acquisto degli alimenti proibiti, ma non ne trovo!
Cerco qualcuno che mi cambi la banconota da dieci euro che ho in mano, ma proprio in quel momento non passa proprio nessuno...Sono un pò restia ad infilare 10 euro nella macchinetta, perchè ho sempre paura che non mi restituisca il resto!

Però lo stomaco gorgoglia e io mi sto annoiando, quindi tento la fortuna, introduco i soldi nell'apposito pertugio e manco a farlo apposta......indovinate un pò?  Il resto non esce!!!
Schiaccio qualche pulsante a caso ma non succede nulla....allora scuoto l'infernale marchingegno ma ancora non succede niente!!!

Che fare??
Cerco in tutti i modi di riavere il mio denaro ed infilo due dita nel buco dal quale dovrebbero uscire i soldi....
Medito anche il fatto che, oltre ad essersi rubato i 10 euro non ha erogato neanche il cibo proibito!!!

Sono furiosa con me stessa e con la macchinetta erogatrice di calorie, tanto che tiro un calcio e infilo con violenza ancora una volta le dita nel foro diabolico ma......

Non escono più le ditaaaaaaaaaa....Aiutooooooooooooooooooo!

Nel frattempo l'ora è trascorsa e cominciano ad uscire bambini e insegnanti dalle rispettive porte!
Mi trovano così, in ginocchio davanti all'odiata macchina con due dita incastrate nel foro del resto...
Avreste dovuto vedere i visetti dei bimbi che giusto giusto, potevano guardarmi negli occhi!
Mamma che vergogna e che male alle ginocchia!!!

venerdì 25 ottobre 2013

Tutta colpa di Mac Donald!!

L'altro giorno ho letto un articolo inerente al solito argomento: LA CICCIA!

Credo si intitolasse:
" 10 motivi per non sentirsi in colpa se non si riesce a dimagrire"

Già.... il senso di colpa, che si prova ogni volta che si infila in bocca qualcosa che non è prescritto, che  è potenzialmente calorico, che è sicuramente buonissimo!
Il senso di colpa si manifesta con un mugolio della mente, che ti intima di non mangiare, seguito da un chissenefrega verbale che si manifesta appena prima dell'ingestione del vietatissimo cibo.

L'articolo voleva farmi credere che non devo sentirmi in colpa se mangio perchè esistono i Mac Donald!!!
Perchè questi fast food, sono creati per far ingrassare la popolazione ed hanno una strategia di marketing che prevede che, il 7% della popolazione mondiale debba entrare nei loro ristoranti a mangiare un panino.
Oibò!!! E' un anno che non entro in un Mac Donald eppure sono in carne lo stesso!!!

Altro motivo per non sentirsi in colpa è che abbiamo troppi elettrodomestici in casa!

  Il lavoro a casa è diventato sempre più semplice, grazie ai vari elettrodomestici che tolgono la gran parte della fatica. Quindi poco consumo di calorie....Non immaginavo che avere la lavastoviglie  portasse così grandi scompensi!

Un argomento però trovo valido, sicuramente l'incidenza dei fattori genetici. Alcune persone sono predisposte ad avere un maggior numero di cellule grasse e quindi non possono far altro che arrendersi alla genetica!

Ragazze mie, amiche forzate della dieta e del fitness, anche se saltuariamente provo a mantenere una linea accettabile, mi sono resa conto di una cosa....Che quando introduco meno carboidrati quando mi vieto il cibo che mi piace divento scorbutica....e proprio in quel momento non mi piaccio!!
Non mi piaccio senza sorriso, non mi piaccio quando sgrido isterica i miei figli, non mi piaccio quando dò risposte poco carine a chi mi sta intorno!

Che devo fare?? Rinunciare all'eterna lotta peso/umore?
E' una lotta impari, perchè se sono sovrappeso e non mi piaccio, sono d'umore nero....se invece non mangio e dimagrisco, sono nervosa perchè calano gli zuccheri....
Insomma, non sono mai contenta.....succede anche a voi così?

venerdì 18 ottobre 2013

RNM

RNM questa è la sigla scritta sulla ricetta rossa che il dottore mi ha consegnato.
Devo fare una risonanza magnetica, a causa del mal di schiena che mi perseguita ormai da qualche mese.
Sono stata brava e ho subito preso l'appuntamento per eseguirla.

Lunedì scorso, sono andata in un centro radiologico molto rinomato e dopo le varie pratiche di rito mi accingo ad aspettare il mio turno.
Non è la prima volta che faccio una RNM, quindi non sono preoccupata, solo che è passato molto tempo dall'ultima volta e non ricordavo certe "cose".

"Quali cose?"

Ad esempio ricordarsi di non mettere camicette trasparenti....

Infatti, mi hanno fatto accomodare all'interno di un angusto spogliatoio, dicendomi di togliere tutte le gioie che avevo indosso e il reggiseno!

IL REGGISENOOOOOOOOOOOO.....

Chiaramente quel mattino avevo indossato una camicetta trasparente bianca, dalla quale si intravedevano la Wanda e la Luisa avvolte da un bel reggiseno bianco di pizzo!

Ma ora come faccio?
Sbriglio il mio florido seno e faccio finta di niente...entro nella stanza con nochalance, la Wanda e la Luisa lì impunite che si vedono benissimo....mi sdraio eh....santi benedetti!
Infilata nel tubo... comincia quel rumore assordante che potrebbe rimambire chiunque.

So perfettamente che devo stare immobile solo per una decina di minuti, ma la tentazione di muovermi è forte!
Il problema è che mi prude il nasoooooooooo!
Una tortura cinese, sto tutto il tempo a pensare come fare per grattarmi...i dieci minuti sembrano eterni.

Ma finalmente....arriva il dottore e mi salva!
Mi gratto il naso tentando di coprire le mie grazie scendo dal lettino il dottore mi guarda....mi strizza l'occhio e mi dice:
"Lei è proprio simpatica...."
Ma perchè???
 Non è che la Wanda e la Luisa hanno colpito ancora?

lunedì 7 ottobre 2013

Altro che Carla Gozzi!

Circa una settimana fa, sono iniziate a comparire sulla pelle tra la Wanda e la Luisa, delle piccole macchiette bianche tondeggianti e in pochi giorni si sono propagate sulle spalle, sul decoltè, sulla schiena....

AARGHHH!
 Come faccio a farle scomparire velocemente????????

Vado in farmacia, mi consigliano una crema o un unguento solfo alcalino, da spalmare sul busto per almeno 5 notti consecutive e poi per mascherarle è necessario esporsi al sole.

Detto fatto.....mi incremo con questa poltiglia puzzolente di zolfo, indosso una magliettaccia e vado a dormire.
Vi dico solo che mio marito è stato alla larga da me per tutta la durata del trattamento...
Al quarto giorno consecutivo di questa maleodorante schifezza...mi accorgo di avere un rossore diffuso sul decoltè e anche delle bolle sottopelle che prudono e mi infastidiscono...

Oddio!... mi ha fatto reazione l'unguento!

Sono molto dispiaciuta perchè, dovrò andare ad un evento mondano durante il quale vorrei indossare il vestito scollato che ho messo al matrimonio di Vittoria....
Ma come cavolo faccio...sono a pois! Pois bianchi e rossi....
Impossibile portare quella scollatura vertiginosa, tutti crederebbero che ho una malattia contagiosa della pelle!

Non ho voglia di comprarmi un vestito nuovo, elegante, che sicuramente non indosserei più!
Non sono fashionista come mia sorella Vittoria e soprattutto sono una casalinga con poche occasioni mondane, almeno come questa!



La soluzione arriva come sempre da lei 'la mia musa ispiratrice'...che come al solito minimizza il problema..

Mi fa indossare il vestito, mentre mi osserva girando in tondo, come Paperon dè Paperoni nel suo pensatoio.
MUMBLE... sento il suo cervello che macina idee e pensieri...finchè non vedo apparire una lampadina disegnata sulla sua testa (per rimanere in tema Disney! )
Tira fuori dal suo magico armadio un paio di stratosferiche e altissime scarpe rosse e un meraviglioso foulard rosso e nero molto grande, che mi annoda sapientemente, coprendo le spalle la schiena e tutte le mie pustole.
Apre poi un cassetto stracolmo di gioie e sceglie una bellissima collana rossa e nera abbastanza grande da coprire le bolle del decoltè!

Meraviglia delle meraviglie, sembra che stia portando un vestito diverso, molto meno serio, più glamour di prima...è proprio vero che un dettaglio può fare la differenza....A Vittoria, Carla Gozzi come si dice a Roma... je fà un baffo!

lunedì 30 settembre 2013

Mai comprare borse firmate!


Lo so che l'uomo dall'altra parte della strada ci sta osservando....ci guarda di sottecchi, mentre Vittoria ed io cerchiamo di far finta di niente.

E' pomeriggio inoltrato e stiamo per entrare in un supermercato, Vittoria ha  in mano la lista della spesa e nell'altra una bellissima borsa di Gucci ....io beh! lasciamo perdere, stendiamo un velo pietoso.

Ci siamo rese conto che quest'uomo ci guardava da un bel pò e mia sorella cominciava ad esserne intimorita,
tanto da dirmi:
"Penso che sia uno scippatore, deve aver puntato la mia Gucci!"
Entriamo di fretta nel supermercato sentendoci finalmente al sicuro, quindi cominciamo a fare la spesa...arrivate alla cassa ritroviamo quel losco figuro in attesa....come se attendesse noi!

Oddio! Cosa facciamo?
 Vittoria ed io ci lanciamo uno sguardo d'intesa e prolunghiamo il tempo di permanenza all'interno del negozio, nella speranza che il tizio sparisca!
E invece no! Sta sempre lì impalato, facendo il piantone come nei migliori triller!
"Questo ha deciso di rubarmi la borsa!" continua la mia fashionissima sorella.
Alla fine, decidiamo d'uscire insieme ad altre persone, un pò nella mischia.
Pensando di averlo ingannato...

 Improvvisamente Vittoria si sente afferrare per una spalla, lei pronta, stringendo in mano la sua Gucci,  fa una giravolta spaziale dando una botta micidiale al figuro...e comincia a scappare a gambe levate!
E io dietro di lei!!!!

Mamma mia che corsa!
Immaginate due elefanti carichi di sporte della spesa che corrono....

Il cuore batte all'impazzata, il fiato è corto, giriamo l'angolo e riprendiamo fiato!
"Lo sai che ho impressione di conoscere quello scippatore?" Mi dice ansimante Vittoria
"Ma che gente frequenti?" le urlo
"Oddio! penso di avere malmenato un mio vecchio compagno delle elementariiiiiiii!" singhiozza mia sorella
Torniamo allora sui nostri passi sempre con le sporte pesanti appese alle braccia, ma non troviamo più nessuno sul luogo del delitto....

A quel punto un irrefrenabile risatella mi assale....
Poveraccio voleva solo salutare Vittoria, lei lo ha picchiato... però lo ha fatto con una borsa di Gucci....che classe!

mercoledì 25 settembre 2013

Siamo tutte 'curvy'?

Chi è una donna curvy?
Definire il prototipo di donna che rientra nella categoria curvy, non è sicuramente facile!
Ogni donna è diversa... noi siamo come alberi,  il vento, la pioggia e le intemperie, ne modificano il tronco lo piegano, lo modellano.

Così come l'albero, anche la  donna è colpita da eventi che segnano  il corpo, quindi ogni rotolino, ogni piccolo bozzetto di cellulite ha la sua storia...come tutte noi ben sappiamo.
 Questo non ha a che fare solo con le gravidanze, o con aborti, o con problematiche ormonali....ma anche con eventi puramente emozionali.

 Noi donne al contrario degli uomini, viviamo il nostro corpo da dentro, con le emozioni, con i sentimenti con il cervello, con le ovaie, con l'intestino e via dicendo....non è un caso che anche per avere un orgasmo, dobbiamo essere tranquille libere da pensieri negativi...ci deve essere sintonia tra il corpo e la mente.

E tutto questo sta a significare, che il nostro corpo è un intreccio tale, che nessun organo è avulso dagli altri!
Ecco spiegata la diversità tra di noi, che non è solo genetica, ma è forza, tenacia, passione (anche per il cibo!) è vita!

Ops...scusate mi sono lasciata trasportare.....

La donna curvy è una donna formosa (con culo e tette!) e qualche rotolino in più!
Aggettivi che la descrivono  possono essere:
 morbida,
 burrosa,
 sinuosa ecc ecc.

 Una taglia minima di riferimento potrebbe essere la 46, ma incatenare la parola curvy ad un criterio netto è difficile!

Esistono donne magrissime ma con dei seni grandi, ci sono donne con fianchi morbidi e piccoli seni, ma anche loro rientrano in questa categoria!

Ci sono poi donne che si sentono formose anche senza esserlo effettivamente...sono le persone che soffrono di un terribile disturbo, l'anoressia.

 Quindi come possiamo stabilire chi è curvy e chi no?

  Tutte le donne possono essere definite curvy,
perchè esserlo o meno è uno stato più mentale che fisico...o no?

lunedì 16 settembre 2013

Dolcemente complicate

Ti alzi  la mattina ti guardi allo specchio e ti vedi brutta, orrenda, impresentabile!
Non sai cosa mettere, cosa indossare per evitare che gli altri vedano lo schifo che sei.
Tenti di coprirti con delle maglie larghe, informi che campeggiano nel tuo guardaroba....nell'armadio di ogni donna si trovano capi di questo genere...
Sono lì i passepartout della salvezza...quando sei indisposta, quando vedi Gino (il rotolo, gli ho dato un nome perchè ormai è una parte impriscindibile del mio corpo) gonfio tanto da riuscire a prenderlo con tutte e cinque le dita.

E vorresti essere diversa... magra, bella, spensierata, sempre sorridente....
Ma non sei a tuo agio con nessun abito e nemmeno con te stessa, eppure devi venire a patti con pregi e difetti, quando vorresti solo scomparire!
Vorresti provare ad uscire da questa situazione...magari facendo la dieta o qualcos'altro.

Ma non riesci tutti i giorni a contenere la voglia di addentare qualcosa di dolce, di salato o tutt'è due insieme!
 L'appetito c'entra, ma fino a un certo punto....

Non sei soddisfatta.....forse di te della tua vita , del tuo lavoro.....non sei soddisfatta e basta!

Poi fortunatamente ci sono quelle mattine che ti vedi bene.... o almeno accettabile...la pelle è luminosa il sorriso più disteso anche se Gino è ancora lì con te!

E allora scopri la Wanda e la Luisa, metti un filo di trucco, azzardi un pò di tacco, un pantalone appena più aderente.....

Che strani stati d'animo si alternano dentro di noi! Quanto siamo dolcemente complicate?

mercoledì 11 settembre 2013

Dietro le quinte!

"Devo fare la pipì"
 mi sussurra Vittoria all'orecchio, mentre gli invitati prendono posto all'interno del ristorante.

Si è appena sposata ed è piena di riso bianco e colorato sull'acconciatura e lo sta seminando con una scia degna di Pollicino, lungo la sala.
"Vieni ad aiutarmi a togliere tutto questo riso dalla Wanda e la Luisa ti pregoooo!"
Accolgo la sua invocazione d'aiuto e l'accompagno in bagno.
Tentiamo di togliere il riso appiccicato alla pancia e soprattutto in mezzo al rotolo di ciccia, cerco di sostenerla sorreggendo l'abito, in modo che possa provare a sedersi sul water e con non poche difficoltà riesce a farlo! Mamma che fatica!
E' stato così difficile farle fare pipì che le ho intimato di non bere più per l'intera durata del ricevimento perchè non l'avrei più aiutata una seconda volta....
Non è cattiveria come si potrebbe pensare, è solo che se qualcuno avesse fatto un video e postato su Youtube avremmo fatto un mucchio di visualizzazioni, anche perchè ero madida di sudore e sono uscita sfranta dall'avventura.
Detto questo, la cena continua come da programma, finchè, come vi ho già raccontato, con un bel carpiato Vittoria si tuffa nella piscina della location!

All'uscita dalla piscina con il vestito pesantemente intriso d'acqua Vittoria inizia ad avere freddo e mi chiede di aiutarla a spogliarsi e a cambiarsi.
 Le sbottono una miriade di bottoncini minuscoli e le sfilo l'abito da sposa, sotto i nostri piedi una pozza d'acqua si comincia a formare.
La pancia di Vittoria, l'ombellico la Wanda e la Luisa sono piene di chicchi di riso tatuati sul suo morbido corpo, come se fossero tanti piccoli strass!
Non c'è niente da fare è glamour anche in questo!

Rovisto nella sua valigia cercando qualcosa che possa indossare per finire la serata, in quanto i suoi ospiti la stanno aspettando.....

"Vittoria, non c'è nessun abito pantalone o qualsiasi altro capo d'abbigliamento, che tu possa mettere!"
Lei serafica osserva il contenuto della sua valigia e conviene con me che a parte il pigiama, non c'è altro.

Io sono già in preda al panico e le chiedo come ha intenzione d'uscire a salutare gli ospiti.

Vittoria non si scompone minimamente e mi dice...
"Passami il pigiama!"

Ma come....giorni  e giorni per trovare l'abito che non la facesse sembrare troppo grossa, che fosse adatto alla sua struttura fisica e ora.....esci col pigiama?

Un pigiama poi, di quelli di cotone semplice, che si compra al mercato......
Ed eccola lì, in mezzo agli ospiti con tutta la sua cellulite, i rotoli,  in pigiama come se fosse la cosa più normale del mondo....
E' inutile....Vittoria è avanti anni luce a tutte noi....viva la faccia!

lunedì 2 settembre 2013

Cronaca di un matrimonio

Una bellissima giornata si è prospettata all'orizzonte, finalmente dopo diversi giorni piovosi  e dopo una miriade di scongiuri è arrivato il giorno tanto sospirato.... si sposa Vittoria!!!!!!!!
Io ho ricoperto un doppio ruolo, quello della testimone e quello della Wedding Planner (improvvisata), così nelle prime ore del pomeriggio sono stata indaffarata nella preparazione del Tableau de mariage, dei centro tavola e di tanti piccoli particolari che sono necessari per la riuscita della cerimonia.
Mentre sono alle prese con i centro tavola, vestita da simil scaricatore di porto, vedo arrivare (in anticipo)
degli invitati, parenti dello sposo, che io non avevo mai visto!
Così mi rendo conto di essere in terribile ritardo!

Dopo le presentazioni di rito metto tutti gli invitati agghindati per la festa a lavorare per me, chi compone i centro tavola chi gonfia palloncini....insomma coinvolgo tutti!
Chiaramente sono scomparsa circa una mezz'ora prima dell'evento perchè assolutamente ho dovuto fare una doccia e vestirmi decentemente, praticamente non mi sono neanche truccata!

Mi catapulto nel luogo scelto per il matrimonio cercando di arrivare poco prima di Vittoria come si confà ad una brava testimone.....
mi colloco al mio posto, passando attraverso un arco di bellissimi fiori, calpestando una guida bianca immacolata, quando vedo arrivare Vittoria al braccio di nostro fratello...un brivido mi assale..potreste pensare all'emozione... noooo, invece mi sono resa conto che lei non ha il bouquet!

Oddio! Vittoria ha dimenticato il bouquet!!!!

Arriva all'altare senza i fori di rito e comincia così la cerimonia!

Al termine dello sposalizio ufficiale, comincia il ricevimento che si è tenuto fortunatamente nello stesso luogo.
Il tutto si è svolto sul bordo di una bellissima piscina...per prima cosa la sposa si è tolta le scarpe ed è stata scalza per tutto il tempo!
 Nel proseguo ha indossato degli occhiali a cuore rigorosamente verde tiffany e dopo il taglio della torta è successo il patatrac!

Dopo aver visto lo sposo, preso di peso dagli invitati per buttarlo in piscina, Vittoria non ha voluto essere da meno...
Arrivata di corsa sul bordo piscina, senza nessuna esitazione, si è tuffata elegantemente di testa, come se fosse la cosa più normale di questo mondo..... con tutto l'abito, gli occhiali, insomma tutta vestita !!
Il marito l'ha raggiunta e ha dovuto recuperare i suoi bernardoni sott'acqua....
La scena è stata veramente esilarante, credo che anche gli invitati più compassati non abbiano potuto trattenere una risata...
Anche la mia povera mamma che tanto si era data da fare, per organizzare la cerimonia di tutto punto ha dovuto cedere alla furia della figlia.... Insomma....se non ci fosse bisognerebbe inventarla!!!


martedì 27 agosto 2013

La pistola

La colla a caldo è un' invenzione meravigliosa, chi ha avuto per primo l'idea di metterla in commercio è un genio.....soltanto che crea dipendenza come la droga!
Non ne potrei mai fare a meno, riesco veramente a farci di tutto; a creare, riparare, modificare, oserei dire che è un attrezzo insostituibile che uso giornalmente!
In questi ultimi giorni  sto usando la pistola (così mi sento un pò Calmity Jane!) per fare gli ultimi preparativi del matrimonio di Vittoria che ormai è veramente imminente!

Ora sto incollando dei fiocchetti verde Tiffany sui coni, che serviranno per contenere il riso da lanciare agli sposi, una volta pronunciato il fatidico... Si!

Tutto è pronto  nelle nuances di questo delicato colore che ......io comincio a ODIARE!
Anche la mia figlioletta sarà infiocchettata...da brava damigella!

E Vittoria dov'è mi chiederete voi.......
La mia sorellina e in PRE - viaggio di nozze e non tornerà che a qualche giorno dall'evento!
Evidentemente si fida ciecamente del gusto e del giudizio della nostra mamma e del mio!

Comunque oltre ad essere la testimone di nozze, ho un gran daffare:

  • comprare il cuscinetto per le fedi
  • procurare tulle bianco
  • finire i conetti
  • fare il tableau de mariage
  • creare insieme al fiorista i centro tavola con relativi segnaposti
  • procurare le lanterne per il bordo piscina e relative candele
  • gonfiare palloncini (rigorosamente verde Tiffany)

Fortunatamente ho sempre la pistola tra le mani e per qualsiasi evenienza contattatemi pure...dalla prossima settimana però!!

domenica 25 agosto 2013

Come Kylie Minogue....

Un taglio radicale ai capelli, un cambio di look ogni tanto ci vuole, anche se Vittoria me lo sconsiglia in quanto ha il terrore di vedere la sua sorellona con un taglio cabriolet nel suo giorno più bello!
E invece non ho ascoltato il suo parere ed ho combinato il guaio!
Ho tagliato radicalmente i capelli e sulla nuca non ho neanche più un pelo....
Sarà ora di cambiare la foto al profilo su Fb?

Lo stile è simile a quello di Kylie Minogue.....certo con qualche chilo  e centimetro in più...ma l'idea è quella!

Vittoria ancora non mi ha vista... e ho paura della reazione che avrà....che dite, pubblico la foto su Facebook e scappo? Aiutooooooooooooooooo!


mercoledì 7 agosto 2013

W lo shopping!


Sono in vacanza, tranquillamente seduta all'esterno di un bar, sto osservando il cielo, splendidamente terso, di un azzurro particolare e sto decidendo, quale colore creato dall'uomo si possa avvicinare di più...insomma, considerazioni che si possono fare solo quando si è in ferie, quando il tempo è dilatato e tutto intorno è calmo, sereno, limpido.

Questo è il mio stato d'animo quando Vittoria mi chiama al telefono.

Intanto grida talmente che, anche le persone a qualche tavolino di distanza da me, riescono ad ascoltare la nostra conversazione:
"Gioiaaaaaaaaaa! Sono a casa tua... dove hai messo tutti quei costumi da bagno che ti avevo datooooo??"

VI ricordate i bikini dei quali vi avevo parlato un mesetto fa?? Suppongo che parli proprio di questi!!!

Un groviglio di immagini pensieri e parolacce si affacciano nella mia mente!
" Vittoria , li ho dati via tutti!!"

Dunque:
  • 5 li ho tenuti io perchè mi stavano proprio bene
  • 3 li ha presi Barbara perchè le si accostavano bene al seno
  • 4 li ha provati e poi tenuti Elisabetta come se fosse una benedizione dal cielo
  • 2 li ha Laura i colori le si addicevano proprio
  • 3 sono rimasti in sospeso con Patrizia che era indecisa        
Gli altri distribuiti un pò qui un pò là......Chi si ricorda???

"Ma come, non ne hai più neanche uno? Ma erano tantissimi...."

Io lo so che erano tantissimi, ho scritto un post sull'argomento....
http://miasorellaadieta.blogspot.it/2013/06/una-montagna-di-bikini.html
"Lo sai che non ho più un costume da indossare per andare al mare? Credo di averti dato anche i bikini che mi servivano....E ora come faccio??"

Sorrido dentro di me perchè lei non è affatto arrabbiata con me, credo che la sua testolina stia già pensando allo shopping!

E come volevasi dimostrare, con una vocina mesta da poverella martire, mi dice che dovrà fare uno sforzo e andare a comperare almeno un paio di costumi...perchè non potrà andare in viaggio di nozze senza!!
Chiaramente mi sono offerta di ridarle i cinque costumi che ho io, ma lei magnanimamente non ha avuto cuore di togliermeli......che eroina, quale dimostrazione di amore fraterno....non sono fortunata ad avere una sorella così?


mercoledì 31 luglio 2013

Il tablet

Non ce la faccio più....la data delle nozze si avvicina e a mia sorella vengono tutti i dubbi che sono normali per una sposina....

Ma le partecipazioni  sono troppo banali? Vanno scritte a mano? Ma cosa devo scrivere sulla busta???
Devo andare a fare la pulizia dei denti, e quella del viso? quanto tempo prima?
Insomma questo è il tono delle telefonate che ricevo quotidianamente diverse volte al giorno!
D'altronde cosa servono le sorelle maggiori!?
Un' altra delle sue l'ha combinata dal parrucchiere e la racconto solo per farvi capire il livello di ansia e di stress che ha accomulato Vittoria!

Siamo dal parrucchiere, il mitico Jean Paul ( io credo che si chiami Gian Paolo!) e la mia sorellina, stanno studiando l'acconciatura che avrà il giorno del suo matrimonio, immancabilmente ha il suo tablet sulle ginocchia e continua imperterrita a mostrare al povero parrucchiere cosa dovrà fare della sua capigliatura....
Soltanto che lei vuole mostraglielo anche mentre sta con la testa appoggiata sul lavatesta, pronto per farle lo shampoo con lo schizzo d'acqua pronto all'uso!
Come al solito Vittoria gesticola si agita si scuote tanto che Jean Paul le fa la doccia mentre cerca di lavare la testa!

Io vedo la scena al rallentatore...Vittoria alza il Tablet muove la testa a Jean Paul parte lo schizzo e voilà
la sorellina si bagna tutta!
Purtroppo non ha lavato solo lei ma anche il tablet!!!!

Orrore! La terribile tavoletta touch si è bagnata e ha cominciato a fare le bizze!!Povere noi! Come faremo ora?
Niente paura Il parrucchiere ci mostra le care vecchie riviste di carta patinata  e ci mostra le varie acconciature.....
Sarò nostalgica, ma quanto mi piace l'odore della carta stampata e che bello....si possono osservare con tranquillità e quanto si vuole......e poi se si bagnano....si asciugano!!


lunedì 22 luglio 2013

La Fiat 500

E' un quarto d'ora che sto osservando quella che suppongo  sia  la macchina di Vittoria....
cioè, una piccola polpetta di fango a forma di automobile!
Purtroppo la mia auto è fuoriuso per un pò, ed ho chiesto malauguratamente in prestito, la vettura di mia sorella!
Vittoria  dice che è molto contenta che io la utilizzi al suo posto per un pò, perchè la macchina è ferma e inutilizzata già da qualche tempo.
Parliamoci chiaro, la polpetta di fango non è arrugginita....sotto la coltre di resina polvere e cacche di uccello so per certo che c'è una Fiat 500 ultimo modello!
Provo ad aprirla senza sporcarmi ma è impossibile....

Siamo a Roma, 30 gradi all'ombra, i piedi si appiccicano sull'asfalto e rivoli di sudore inondano il viso, per non parlare della Wanda e della Luisa e del rigagnolo che ci scorre nel mezzo, sono le ore 15,00, il sole incoccia (come si dice qui!) e noi, cioè Vittoria i miei due figli ed io, dovremmo andare a comprare qualcosa da indossare per il matrimonio della sciagurata !!

 La vista dell'interno dell'abitacolo della vettura mi sconvolge...pensate ad una discarica a cielo aperto!
 Ci si può trovare di tutto...ho paura di trovare anche qualche animale morto!!
Così, a  parte i soliti trucchi (ormai sciolti), le bottigliette d'acqua vuote, fazzoletti usati, pacchetti di fazzoletti  ancora incelofanati in quantità industriali......riesco a farmi largo e finalmente mi siedo, su questo sedile surriscaldato e ingombro, tentando di aprire i finestrini per non soffocare...

Iniziano così i primi problemi.....Immaginate Vittoria ed io con la nostra mole, mio figlio alto 1,90 e la mia figlioletta cercare di entrare all'interno di questa scatola di sardine!
 Avremmo dovuto  fare un video e caricarlo su Youtube, sono certa che avremmo fatto un milione di visualizzazioni, una vera comica!

Nel frattempo scopro che:

  •  l'aria condizionata non funziona
  •  non c'è la benzina
  •  la cintura di sicurezza lato guidatore è rotta!

  E non ho ancora messo in moto!

Finalmente partiamo inzeppati,  compressi come nell'autobus nell'ora di punta!
Cercando di arrivare da un benzinaio, ma dopo poche centinaia di metri dal luogo di partenza sento che la macchina ha qualcosa che non va! ABBIAMO BUCATO!
 Sarà stato il calore, il manto stradale dissestato o che so io, ma sicuramente abbiamo una ruota a terra!
Anche il morale è a terra come la gomma e non sappiamo come fare....
La fortuna finalmente gira e Vittoria riesce a farsi aiutare da un  signore molto gentile che ci cambia il pneumatico e finalmente dopo un'ora circa riusciamo a ripartire...
La mia bimba però è contenta perchè andiamo a comprare il vestitino per lei, che ha un ruolo importante nella cerimonia, farà da damigella!
 Comincia a conversare con la zia e le chiede con quale macchina ha intenzione di arrivare all'altare....

"Ma certamente con questa macchina!!!"
Risponde Vittoria come se fosse la cosa più naturale del mondo....

Mio figlio emette un grugnito strano (c'è da scusarlo ha sedici anni!)
" E tu e zio dovreste entrare qui dentro con tutto il vestito da sposa?"
(Mio fratello l'accompagnerà  Vittoria all'altare NdR)

Continua così la discussione, finchè a mio figlio viene un 'idea luminosa....

" Perchè non togli il sedile davanti e ti siedi direttamente dietro? Così il vestito con lo strascico entrerà sicuramente!"
Un brivido, anche se la giornata è afosa, percorre la mia schiena....E' un brivido di paura.....
Oddio! Mia sorella vuole togliere il sedile anteriore!!!
Che dite dovrò scrivere un'altro blog???

sabato 20 luglio 2013

Gioia la lamentosa

Che periodaccio:

1- Non posso andare in palestra (per me un fondamento della giornata)!
2- Non posso andare in bicicletta (perchè la sciatica mi attanaglia)!
3- Non posso stare seduta (vedi questione 'scatica')!
4- Non posso andare a camminare (perchè ho l'influenza)!
5- Ho la febbre, ho il raffreddore, ho il mal di gola (perchè me l'ha attaccate mio figlio di 13 anni)!

E che chiavica (potevo esprimermi peggio ma sono una Signora)!

Quello che mi rode di più e che comunque tutte le faccende sono costretta a farle ugualmente e invece quello che mi piace non posso proprio farlo!
Vabbeh... basta lamentarsi cercherò di scrivere di più! Solo che per farlo devo stare seduta (vedere punto 4 della lista 'Gioia lamentosa').

Qualcuna di voi ha un qualche unguento miracoloso che mi riesca a guarire tutti gli acciacchi? (O un unguento che mi renda meno lamentosa?)

mercoledì 17 luglio 2013

La giornata mondiale contro la droga



So che questo post tocca un tema  inusuale per il mio blog, ma voglio condividere con voi il racconto della giornata mondiale contro la droga per due ottimi motivi:

  •  Per cercare di divulgare il più possibile l'argomento tramite anche i miei lettori
  •  Mio figlio è un ragazzo sedicenne, che si affaccia ora alla vita  e quindi il tema mi tocca da vicino


 Il 26 giugno di 26 anni fa veniva istituita dall’Onu la giornata mondiale contro la droga. Da allora ogni anno in questa stessa data si accendono i riflettori attorno al problema.
 D’altronde, nonostante non occupi spesso le prime pagine dei giornali, in Italia si continua a fare largo uso di stupefacenti.

 Nel 2012, su una popolazione scolastica pari a 2,5 milioni di ragazzi, oltre 500mila studenti delle scuole medie superiori hanno consumato cannabis, poco più di 60mila cocaina, 30mila oppiacei, 60mila allucinogeni, 60mila stimolanti. 
 L’età media del primo contatto è 15 anni e sempre maggiore la tendenza degli adolescenti al binge drinking praticato dal 35,1% di studenti.
. In occasione del 26 giugno hanno realizzato attività atte alla prevenzione, raccogliendole tutte sotto il cappello di WeFree, il suo progetto dedicato ai giovani.

Tutto ha avuto inizio alle 10.30 con un flashmob di danza tra i binari della stazione Termini, organizzato dalla crew di ballo Termini Underground, gruppo creato dall'associazione A.L.I. Onlus che opera in una sala sotto il binario 24 della stazione.
 Tanti gli astanti stupiti che hanno visto all'improvviso un gruppo di ragazzi di varie nazionalità cominciare a ballare sulle note di "Scream & Shout" di Will.i.am e Britney Spears.
 I ragazzi di Termini Underground indossavano le magliette di WeFree e mostravano a tutti la loro gioia e il senso di libertà e felicità che provavano ballando. Il sorriso dei ballerini e le urla di incitamento sono state davvero contagiose.

Link del video: https://www.youtube.com/watch?v=XQSIzevVjEE
Dalle 16 alle 18.30 si sono tenuti una serie di workshop negli spazi del Centro Culturale Aldo Fabrizi nel quartiere di San Basilio.
 Hip Hop, musica e graffiti sono state le materie con cui i bambini presenti all'evento si sono cimentati. L'iniziativa, dal nome "Insieme per San Basilio", è organizzata in collaborazione con Biblioteche di Roma e Zètema Progetto Cultura, mentre sulle cattedre dei laboratori abbiamo trovato, rispettivamente, gli stessi ragazzi di Termini Underground insieme a Contourella Dance Project per quanto riguarda quelli legati alla danza, e Walls - Contemporary Public Art e Street Idols (primo reality Comics free press interamente a colori) per quanto riguarda l'arte dello writing.
 E' stato un pomeriggio di condivisione per dimostrare che la prevenzione dalla droga e dal disagio sociale passa dall'offerta di stimoli e possibilità.
Presente all’evento anche il campione europeo di pesi Welter Daniele 'Bucetto' Petrucci, romano proprio di San Basilio, che ha spiegato quanto fosse stato importante per lui imbattersi nel pugilato e quanto questo sport lo abbia salvato da un destino amaramente diverso da quello che per fortuna invece sta vivendo. 

Importante è stato anche l'intervento di Patrizia Russi, responsabile del progetto WeFree, che ha parlato di come l'arte e lo sport possano essere sfogo al disagio che bambini, ragazzi ed anche adulti vivono e di come siano trasversali per età e nazionalità. L'arte e lo sport possono insegnare un mestiere, ma anche solamente servire come indispensabile valvola per esprimere quello che si ha dentro. 

La giornata si è chiusa alle ore 21 alla Casa del Jazz con lo spettacolo Ragazzi Permale, una toccante testimonianza diretta dell'esperienza della droga e del difficile cammino di risalita. Lo spettacolo, sponsorizzato da Autostrade per l'Italia e condotto dal regista e attore Francesco Apolloni, ha portato sul palco le storie di Lando e Marco, ragazzi al termine del percorso nella comunità di San Patrignano. 

Mischiando ironia e serietà, dialogo e narrazione, troviamo i due giovani che raccontano il viaggio della loro vita, dalla loro tenera età fino al momento attuale. Musica, video e ballo si uniscono al racconto dei ragazzi sapientemente incalzato da Francesco Apolloni, che funge, a volte, come grillo parlante, mentre altre diventa lui stesso narratore della sua personale storia. Nell'ultimo giorno di comunità di Lando, questo saluta i suoi compagni di viaggio e gli spettatori, pronto a ricominciare. 

WeFree ha deciso inoltre di mobilitare il mondo attivando il network di associazioni sparse tra le principali capitali del mondo.
In Canada a Toronto gli Unity Charity hanno organizzato una lezione di beat box presso l’Art Gallery Ontario. In Colombia Sociedad Real siè tenuto un concerto di Hip hop con esibizioni di break. In Portogallo i Transformers a Lisbona hanno organizzato un festival di graffiti e break dance.
 A Berlino, in Germania, gli StreetUniverCity hanno realizzato una coreografia di danza alla Naunynritze, un quartiere famoso per il consumo di droga e il crimine giovanile.
 A Londra infine è stata ufficialmente inaugurata la sede dell’Associazione londinese di San Patrignano.

Insomma il mondo intero ha fatto la sua parte.....anch'io devo fare la mia!

lunedì 15 luglio 2013

L'uomo e la depilazione.....

Sfidando le intemperie, temeraria questo fine settimana sono andata AL MARE!
Quest'anno, non riesco proprio ad avvicinarmi alla spiaggia, sembra che la nuvola di Fantozzi mi perseguiti...
Ogni volta (circa quattro tentativi), che ho provato a sdraiarmi sulla bella spiaggia calda, le nuvole si sono addensate sulla mia testa e inesorabilmente ha piovuto!
Da una parte però, sono contenta che la prova costume è rinviata a data da destinarsi....e questo non è affatto male!
Un' altra cosa positiva è il fatto che, non sono costretta a depilare l'inguine, con una frequenza che infastidisce...Mio marito ormai è rassegnato a questo cambio di stagione della mia Jolanda (per dirla come la chiama la Litizzetto!) e non fa rappresaglie!!

Quello che non capisco però perchè alcuni uomini si depilino!!
Questo tormento, questa fatica immane di essere sempre senza peli, è diventata una problematica anche maschile!

Ma dico io....sono matti!??

 A parte il costo, il dolore, la fatica, si sono messi sul nostro stesso piano e finalmente abbiamo qualcosa in comune!
Possiamo così conversare con il nostro vicino d'ombrellone, di epilazione definitiva, di cerette, di luce pulsata....Gli uomini ne sanno anche più di noi!

Certo depilarsi la schiena non deve essere piacevole, immaginate strisce di cera colme di pelazzi riccioluti e la pelle sicuramente bordeaux dei malcapitati!

Ma da dove viene questa moda? Chi è stato il primo?? A chi è venuto in mente?
E soprattutto, a noi donne piacciono completamente glabri?
A me personalmente no!
Questi uomini palestrati, perfettini, lisci, depilati, non mi 'ispirano', non sono sulla mia stessa lunghezza d'onda. Non vorrei dire un'eresia ma sembrano anche un pò effemminati pur essendo sicuramente etero!
Ci sono poi gli esemplari maschili tutti panza, peli e rutti liberi....beh! Non mi piacciono neppure loro.....

Eh!... Che vuole questa, direte voi......forse solo uomini "NORMALI"!!!!!!!

sabato 29 giugno 2013

Speriamo che me la cavo!!!!

Indossare una taglia superiore alla 48, per ogni donna che si rispetti è un problema!
E' un problema psicologico, e oggettivo con cui ci si scontra giornalmente e preclude a volte, anche amicizie,
lavoro, socialità in genere.
 Questi disagi  li ho vissuti e li vivo quotidianamente, insieme a  mia sorella Vittoria (cicciottosa più di me!) e siccome sono certa che altre donne condividono i nostri problemi, le nostre ansie e paure, ho deciso di raccontare in chiave ironica, le nostre vicissitudini e le nostre storie, per sdrammatizzare le cose che ci accadono e magari, essere un esempio positivo, di come si può affrontare la quotidianità, con il nostro peso, utilizzando un pò d' ironia e un sorriso!

Un'articolo di Grazia.it http://www.grazia.it/moda/in-esclusiva/Grazia-Manifesto-Generate mi ha particolarmente colpito, in quanto spiegava come ormai siamo sempre connessi con il mondo in tempo reale.

Ecco, cosa mi piacerebbe fare! Tirare su il morale alle donne cicciotte come me e Vittoria, che lottano ogni giorno contro, peso, sessismo, discriminazioni e quant'altro, a causa della loro mole!
Connettermi con loro, al bisogno, sarebbe finalmente mettere a frutto tutta questa tecnologia a fin di bene.
 La vita ci schiaffeggia più severamente di altre persone, solo per l'aspetto fisico, come se il cervello fosse un inutile appendice!
 Questo mi fa arrabbiare! La società ci discrimina,
ma non facciamo nulla per far sentire la nostra voce!
Ecco perchè ho bisogno dell'aiuto di Grazia, per avere una possibilità in più, una maggiore visibilità e la speranza di raggiungere sempre più donne con questo particolare problema!

giovedì 27 giugno 2013

Una montagna di Bikini!


Oggi sono andata a casa di Vittoria,  l'ho trovata nella sua camera, intenta a scavare tra la montagna di abiti, panni, maglie, gonne, pantaloni, che risiedono nel suo armadio!
Vi ho già parlato dell'armadio di Vittoria.....E' quell'insieme di roba che in un modo o in un altro è stato depositato non si sa in quale stato, in un posto che lei si ostina a chiamare guardaroba!

Però, questo mitico luogo è il paradiso in terra di qualsiasi donna, qualsiasi taglia essa indossi...
Ormai è estate (sembra) e Vittoria sta cercando alacremente un costume da mettere per andare al mare, alla faccia della taglia!

La novella minatrice, scavando, scavando, comincia a tirar fuori costumi da bagno in quantità, quasi come avesse un cappello da mago nascosto da qualche parte!
Quando dico costumi in quantità....non avete idea del numero di due pezzi che fa uscire tra le ante.....
Meno male che io previdente non ho acquistato nessun bikini.....perchè oggi ho fatto quella che io chiamo la spesa proletaria.......

Abbiamo steso tutti i costumi sul letto, ben abbinati, neanche fossimo in qualche programma di Real Time (secondo me dovrebbero ingaggiare Vittoria come personal shopper per taglie forti!!) e li abbiamo divisi per colore e taglia!
Siamo poi passate alla conta, tanto per avere un'idea del numero statisticamente parlando...

Mentre eravamo intente nel fare questa cernita mi sono resa conto, forse per una frase che ha detto, che nessuno di questi bikini le stavano bene!

INCREDIBILE! Credo che possa entrare nel guinness dei primati! 50 costumi, nessuno adatto per lei!

IMPOSSIBILE!

Eppure è vero...uno è troppo sgambato, un altro le sta piccolo, uno le sta grande, ce n'è uno in cui la Wanda e la Luisa saltano fuori ogni momento ( Vi ho già parlato delle manie di protagonismo che ha il seno di Vittoria?) insomma uno per un motivo, uno per un altro, nessuno le calza a pennello!!!

Che avrei dovuto fare io a questo punto??

Potrei trasformarmi in una venditrice di bikini.....

VENGHINO SIGNORE VENGHINO.......Qui ce n'è per tutte: magre, grasse, lunghe e corte.......
Allora cosa aspettate......ce n'è anche per voi!!!!


venerdì 21 giugno 2013

Il vestito da sposa

Eccomi ancora qui, in un letto di dolore, a quattro di spade, nella speranza ( per ora vana), che il dolore alla mia schiena passi e diventi un lontano ricordo!
Per ora, il mio obiettivo è quello di andare a fare pipì da sola, senza cercare qualcuno che mi faccia da argano, per tirarmi su da letto.....insomma, i miei attuali desideri sono roba semplice, di minima sopravvivenza!

Invece la vita di Vittoria si è fatta più frenetica, soprattutto da quando la data del matrimonio (finalmente) è stata fissata e i preparativi sono iniziati!!

Ricorderete i  vari tentativi di trovare l'abito giusto, a dispetto della taglia non canonica della mia sorellina e pare che, finalmente, abbia trovato un atelier  che soddisfi le sue esigenze. Le commesse di questo atelier sono un gruppo di sante donne che, dopo averle fatto provare l'intero magazzino, sono riuscite a scovare
 il ' V E S T I T O'  l'unico e il solo!

 Però lei non è sicura e vuole anche il mio parere.....

Qui sorgono i problemi....non perchè io non voglia andare a consigliarla, ma sono proprio impossibilitata, e lei non lo vuole proprio capire!!
La parola 'NO' non fa parte del suo vocabolario, neanche di fronte all'evidenza!

Mi piomba in casa, nella fattispecie nella camera da letto, mentre io sto li quasi immobile, spiaggiata come una balena!

"Devi venire a vedere il mio abito da sposa, perchè non sono sicura della scelta....Alzati e cammina....!!!"
Credo di averla guardata come si guardano i dementi o gli esauriti, che non sanno quello che dicono!

"Ti ho detto di alzarti, che abbiamo l'appuntamento fra un'ora!"

Comincio a ridacchiare (vecchia tattica che spesso adopero per tenerla a bada!), sorrido e le dico....
"Dove cavolo vado, che non posso stare in piedi?"

Lei imperturbabile prosegue in quella che per me è pazzia pura...

"Ora pian pianino, ti alzi, ti faccio la doccia, ti vesto e vieni con me!"

Detto questo, butta giù i miei piedi dal letto, con delicatezza mi acchiappa e mi tira su di peso...
Non contenta, mi trascina sotto la doccia mentre io sono impietrita e ammutolita....quando decide una cosa, deve essere quella.....pensate ad un caterpillar in discesa senza freni, questa è la descrizione giusta!

Chiaramente mi aiuta ad infilare le mutande e mi fa indossare un vecchio palandrano, così facciamo prima dice lei....
La difficoltà maggiore l'abbiamo incontrata nell'entrata e nell'uscita dell' automobile....Lì ho urlato un pò ad onor del vero!
Durante il tragitto, una frenata inattesa mi ha fatto vedere le stelle e credo di aver detto più parolacce che in tutta la mia vita!
Arriviamo così all'atelier, leggermente in ritardo con Vittoria presa nella parte della crocerossina in tempo di guerra.....MA IO NON CI VOLEVO VENIRE!

Immaginate la scena....sembravo la protagonista di un film comico degli anni '50, '60!
Entriamo nel negozio, io incazzata nera lei con l'aria da anima in pena, vittima di un carnefice....non oso pensare cosa abbiano detto le commesse del negozio!
"Fatela sdraiare!" Urla Vittoria,

le signore dell'atelier pensavano si tratasse di un malore o qualcosa di simile, e si sono carinamente prodigate nei miei confronti per trovare una sedia o una chase loungue per farmi sdraiare!
Quando poi, hanno capito che sono arrivata lì già in quelle condizioni, hanno cominciato a ridacchiare perdendo un pò della loro impeccabile professionalità!
Ci trovano un camerino di prova con divanetto, tutto per me, dove mi accomodo ciondolante e dolorante, finalmente sdraiata e  coccolata assisto alla prova dell'abito.

Vittoria è indecisa tra due modelli .....
Devo dire che entrambi sono molto belli  e le stanno bene, ma è proprio vero...quando una donna trova il suo abito, si illumina, cambia espressione, si trasforma in un'altra persona!
Così abbiamo scelto l'abito meraviglioso,
quello giusto, che non fa notare i chiletti in più, ma mette in evidenza i suoi pregi, nascondendo i suoi difetti!!
Mi sono emozionata e  sono scese sul  mio viso due lacrime.....saranno state di dolore o di felicità??
Indovinate un pò!

 

lunedì 27 maggio 2013

Parola d'ordine 'Ventre piatto'!

Ieri, mentre stavo curiosando in internet, cercando qualche esercizio per rafforzare la muscolatura addominale, mi sono imbattuta in un tutorial fatto da un insegnante di pilates.
Il video girato con molta professionalità, spiegava con efficacia gli argomenti che mi interessavano, cioè come avere una pancia piatta senza ricorrere alla chirurgia estetica!

La spiegazione degli esercizi da fare era veramente ben fatta e l'insegnante un pò attempata, aveva sicuramente un addome da fare invidia ad una diciottenne....

Mi sono soffermata però, forse con troppa attenzione, sulle fattezze del corpo di questa donna...sono forse un pò cattivella?
Ecco dopo la scansione computerizzata del mio cervello cosa è venuto fuori!
Dunque...la Wanda e la Luisa erano sicuramente rifatte, due bei budini ben piantati sul torace inamovibili e inamidati che per quanto movimento facesse rimanevano lì, impietriti!
Sicuramente, a prima vista è una bella signora con un bel fisico e che da giovane sarà stata sicuramente una gran gnocca!
Ma per mantenere gli antichi splendori, qualche aiutino alla natura è stato sicuramente fatto!

La sua arcata sopracciliare assolutamente innaturale fa pensare ad un tocco della sapiente mano di un chirurgo plastico, le labbra ' a canotto' testimoniano un massiccio uso di botox e purtroppo anche gli zigomi, un qualche ritocchino devono averlo avuto!
Facciamo dunque un riassunto della situzione:

  • Tette rifatte
  • Blefaroplastica
  • Botox zigomi e labbra
  • Addominoplastica?

L'attrice Michela Andreozzi  ha fatto una spietata caricatura, di donne di questo tipo, con un personaggio inventato, Azzurra Doffi Bolazzi, la quale è talmente immobilizzata dal  botox che non ha più una mimica facciale!
Ci ridurremo tutte così?


A queste considerazioni si unisce qualche perplessità....E se anche l'addome  fosse stato coinvolto nella massiccia ristrutturazione della signora?

Hai voglia a massacrarmi di addominali, se tanto mi da tanto, il mio ventre e soprattutto il mio rotolo (Gino!) starà sempre con me!

mercoledì 22 maggio 2013

Piancatraz

Piancrataz è il nomignolo(!?) affibbiato all'ospedale, che si trova in località Piancavallo, di cui vi parlavo qualche giorno fa e che ha ospitato Vittoria per un mese.
Solo le persone con delle caratteristiche particolari, possono accedere in questo nosocomio, non solo quelle con un peso ragguardevole ma anche quelle che hanno disturbi alimentari di vario tipo.

Obesi e anoressici insieme per una cura comune, per uscire dal tunnel delle problematiche alimentari.
Anni fa, dice la leggenda, le persone con entrambi i disturbi si fronteggiavano in sala mensa, ognuno bramoso del pasto dell'altro!
Basti sapere che, gli obesi all'epoca dovevano ingerire non più di 600 calorie giornaliere!
Pensate al parapiglia che doveva avvenire, nel momento in cui questi poverini, adocchiavano le 1500 calorie degli anoressici, che le ingurgitavano di malavoglia!

Oggi fortunatamente non è più così, le scienze si sono evolute e i pazienti hanno un regime alimentare di tutto rispetto, incentrato sulle giuste calorie e sulla totale assenza di sale, ma anche sul movimento fisico ad oltranza!
Mi viene in mente quel film di Pozzetto e Verdone che sicuramente ha precorso i tempi...si chiamava" 7 chili in 7 giorni" ed era uscito nelle sale cinematograiche alla fine degli anni 80!
Invece, oggi esistono quei programmi televisivi, in cui le persone abbondanti vengono fiancheggiate da snelli e fighissimi personal trainer, che con il bastone e la carota, tentano di far dimagrire i malcapitati partecipanti!

La forza di questo luogo è per me la comunanza di intenti e la particolare fisicità dei suoi pazienti.
 Per esempio, frequentare una palestra  in cui tutte le persone che ne usufruiscono sono grasse, rendono più accettabile l'attività fisica e soprattutto viene a mancare quel senso di vergogna e il disagio, che di solito il cicciottello prova nel momento in cui entra in una palestra qualunque.

Un altro tabù che sicuramente cade è quello del sesso!
Pare infatti che, l'ospedale abbia dovuto chiudere la piscina coperta e il cinema, dei quali era fornito, a causa dell'uso non canonico che ne veniva fatto.
Insomma i degenti sia uomini che donne trovano abbatttuto il muro della vergogna della ciccia e trovandosi nella stessa condizione fisica e magari psicologica, fa si che nasca passione amorosa e sessuale.

Le prime telefonate di Vittoria su questo argomento sono state esilaranti!

"Lo sai Gioia, qui c'è pure la piscina e il cinema.....ma sono chiusi!"
Penso sia normale che abbia pensato immediatamente allo stato della sanità italiana, così compromessa... quando, ho sentito un bisbiglio, un cinguettio che non riuscivo a decifrare:
"Qui fanno zin zin!"
e io torda incalzavo "Eh....che stai dicendo?"
"Qui la gente fa zin zin! Per questo la piscina e il cinema sono chiusi! Hai capito Gioia?"
Io rintronata come al solito non capivo proprio quello che voleva dire, allora le ho chiesto un pò inalberata:
"S C A N D I SC I  bene le parole! Insomma!"
Lo so che l'ho cercata io la risposta, ma proprio non avevo compreso, lungi da me il pensiero!
"Gioia! Qui fanno l'A M O R E! e quindi hanno chiuso i posti che potevano essere promisqui! Hai C A P I T O, ora?"

Che bello!! In un posto in cui sicuramente c'è  sofferenza sia fisica che morale, qualcuno trova l'amore!
 E anche se so di essere un inguaribile romantica, magari un amore che duri per sempre!
Ahhhh (sospiro!) Un bel soggetto per un altro
film, non trovate?

lunedì 13 maggio 2013

Il perizoma

Per il mio compleanno, ho ricevuto dalle mie amiche un regalo speciale....un completino intimo molto sexy!
Solitamente la biancheria che indosso è abbastanza spartana, deve essere comoda e assolutamente non deve segnare le cicce.

Odio quando le mutande tagliano trasversalmente i miei lardelli laterali, dividendoli in quattro (due da una parte e due da un'altra), mettendoli in evidenza ancor di più.
Altra caratteristica indispensabile che devono avere le mutande, è quella di stare al loro posto! Devono essere inamovibili, in poche parole non devono infilarsi tra le natiche!

E' un fastidio che arriva dritto dritto al cervello, come il mal di piedi!
E poi volete mettere, il fastidio di stare tutto il giorno a cercare di toglierle da lì in mezzo!

Molte amiche allora mi hanno consigliato di indossare il perizoma, rassicurandomi sul fatto che
assolutamente non si sentono, ed è "come se non lo portassi!" e poi è sicuramente più trendy!
Mi sono lasciata convincere e ho acquistato questo benedetto capo di lingerie.

Lo osservo con attenzione prima di metterlo e non è altro che un triangolino inesistente ed è come se non ci fosse!
Una volta indossato capisco che .....non fa per me!

  1.  La depilazione con il perizoma deve essere più accurata (non la si può lasciare incolta!)
  2.  Il filetto è micidiale si infila OVUNQUE
  3.  "Lo sento" ogni mio pensiero confluisce su quel determinato punto del corpo e non riesco a pensare ad altro!                                                                                                                                            
Ho fatto questo lungo preambolo, per farvi capire il mio disappunto, nel momento in cui ho scartato il regalo delle mie amiche.
Il completino è bellissimo di una calda tonalità rosa carne con un pizzo meraviglioso, il reggiseno è molto sexy, trasparente e altrettanto lo è il perizoma, che ha la particolarità di avere all'incrocio dei filetti, proprio dove comincia l'incavo tra i glutei, una piccola rosellina.
Comunque mi sono profusa in mille ringraziamenti con le amiche, mascherando il dispiacere che stavo provando, avendo al certezza che anche se bello e molto costoso, non l'avrei mai indossato.

L'altra sera però, mi è venuto lo sghiribizzo di fare la sciantosa con mio marito, così per giocare un pò!
Innanzitutto, mi sono depilata seriamente e la mia bella Iolanda ( come la chiama la Litizzetto) da sempre
incolta stile anni 90, si è ritrovata nel 21° secolo, tutta d'un colpo!

Così bardata, sono apparsa in camera da letto, cercando di fare la panterona sexy, con la pretesa di sedurre
mio marito, che, poverino non aveva capito assoltamente le mie intenzioni e stava leggendo tranquillamente un libro.
Ho sculettato un pò in giro per la stanza, ma lui non ha alzato nemmeno lo sguardo.
Allora ho richiamato la sua attenzione chiedendogli maliziosa :
"Tesoro, come sto?"
Lui un occhio al libro e un occhio a me, osserva distrattamente il mio posteriore e fa cenno di avvicinarmi.
Ho pensato allora di aver colpito nel segno e sono giunta vicino a lui, con una specie di camminata che voleva essere morbida e voluttuosa....
A quel punto mi ha apostrofata dicendo:
"Girati! Credo che tu abbia un grosso foruncolo sul sedere, proprio nell'incavo dei glutei...
vieni qui che te lo schiaccio!"
Ragazzi non era un foruncolo...era la rosellina del perizoma!

 Chiaramente è andato a finire tutto a tarallucci e vino!
Altro che burlesque, qui ci vorrebbe un miracolo !